CARATTERE: 

carattere Medio Carattere Grande Carattere Grande



I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo.     Informazioni

PRATICHE EDILIZIE ONLINE

Pratiche dilizie online

Programma 6000 Campanili

6000 campanili

SERVIZI ONLINE

 

modulistica

 

fatturazione

 

suap

 

autocertificazioni

 

residenza

La raccolta differenziata

La nostra raccolta differenziata

FOTO

RSS di Ultima Ora - ANSA.it

Link utili

 

normattiva

 

lm

Benvenuti nel Portale del Comune di  

 

DRAPIA (VV)

Elenco concorsi

Nessun concorso presente in archivio

Notiziario dal comune

Comunicazioni del Sindaco
Data pubblicazione : 03-12-2012

 COMUNICAZIONI DEL SINDACO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2012

 

Debbo necessariamente esordire dicendo che il mio avvertito intento di partenza sarebbe stato quello di fornire, in una corretta concezione del rapporto democratico tra amministratori e collettività, un dettagliato resoconto dell’ultimo anno di operato di questa Amministrazione Comunale. Ciò anche nell’intima convinzione che avrei avuto modo di sottoporre al giudizio della collettività risultati pienamente conseguiti quale frutto di un dinamismo che ha improntato i diversi settori della vita amministrativa. - Leggi le dichiarazioni del sindaco-

 

 Comunicazioni del Sindaco

Debbo necessariamente esordire dicendo che il mio avvertito intento di partenza sarebbe stato quello di fornire, in una corretta concezione del rapporto democratico tra amministratori e collettività, un dettagliato resoconto dell’ultimo anno di operato di questa Amministrazione Comunale. Ciò anche nell’intima convinzione che avrei avuto modo di sottoporre al giudizio della collettività risultati pienamente conseguiti quale frutto di un dinamismo che ha improntato i diversi settori della vita amministrativa.

Ma questa idea iniziale – lo dico con estrema franchezza – ha perso la sua carica di entusiasmo e si è sciolta in un vero e proprio sentimento di forte disappunto, di fronte alla missiva della Direzione Provinciale Poste e Telecomunicazioni, pervenuta in data 28/11/2012, con la quale è stata data comunicazione della decisione di procedere alla chiusura dell’Ufficio Postale di Drapia.

Con la predetta nota, l’Ente provinciale delle Poste ha evidenziato al sottoscritto che l’Ufficio Postale di Drapia “NON GARANTISCE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO ECONOMICO E PERTANTO IL SOPRACITATO UFFICIO POSTALE VERRA’ CHIUSO AL PUBBLICO. VOGLIO COMUNQUE CONFERMARLE CHE POSTE ITALIANE CONTINUA AD ASSICURARE AL COMUNE DA LEI AMMINISTRATO I PROPRI SERVIZI ATTRAVERSO GLI UFFICI POSTALI DI BRATTIRO’ PER SEI GIORNI A SETTIMANA E CARIA NELLE GIORNATE DI MARTEDI’, GIOVEDI’ E SABATO DI OGNI SETTIMANA."  

Va in ogni caso chiarito che detta missiva e’ stata, comunque, la risposta ad un’accorata lettera che questa amministrazione aveva inviato alla stessa direzione provinciale delle poste e telecomunicazioni in data 12 luglio 2012, prot. N. 3595, nella quale è stata così esplicitato il nostro punto di vista sulla vicenda:

“Noi Amministratori del Comune di Drapia non ci stiamo, siamo pronti alla difesa del territorio e di un servizio essenziale quale quello fornito da Poste Italiane, anche loro comunque vittime di un sistema che non deve erogare servizi ma raggiungere utili, e lo faremo con ogni mezzo consentito.

Pertanto, pur nella consapevolezza delle difficoltà economiche che oggi gravano su tutti i servizi pubblici, consapevolezza ben presente alla mia attuale funzione di Sindaco, resta la necessità di perseguire criteri che non appesantiscano ulteriormente la condizione sociale ed economica di un’utenza composta da cittadini, associazioni, categorie, alla quale, poi, è affidato il compito di riattivare un nuovo e complessivo sviluppo.

Confido pertanto che possano essere mantenuti gli uffici presenti sul territorio ed ovviamente anche da parte mia si conferma la massima disponibilità ad incontri, con la finalità di verificare possibili, diverse e più equilibrate soluzioni, evidenziando con forza che la dislocazione delle due frazioni è tale per cui non è assolutamente agevole per gli abitanti potersi muovere dal proprio paese per raggiungerne un altro, al fine di sbrigare commissioni e usufruire di servizi importanti e pressoché quotidiani come quelli offerti da un ufficio postale.

Le comunità dei due centri infatti rimarrebbero fortemente depauperate in termini di qualità della vita, tanto che mi riservo sin da ora di verificare la sussistenza di un’eventuale fattispecie di interruzione di pubblico servizio”.

Credo che a questo punto si imponga una doverosa riflessione nei seguenti termini. Il fatto di aver ottenuto la garanzia dell’apertura dell’ufficio Postale di Caria per tre giorni la settimana potrebbe quasi indurre a cantare vittoria. Si tratterebbe in realtà di un’effimera e quanto mai evidente vittoria di Pirro. Ciò nella considerazione che, tenuto conto della logica che sta guidando l’azione dell’ente Poste nella propria e non condivisibile riorganizzazione dei servizi, è del tutto naturale supporre che il “criterio dei tagli” adottato nei confronti di questo Comune sia destinato a trovare ancora applicazione. Nulla di più facile, infatti,  alla luce di quanto già verificatosi, che, di qui a qualche tempo, venga disposta la chiusura di un altro ufficio sempre con la motivazione che  LO STESSO NON GARANTISCE CONDIZIONI DI EQUILIBRIO ECONOMICO.

Dico questo non per fare la Cassandra, ma solo per evidenziare che il criterio finora adoperato dalla Direzione Provinciale delle Poste non lascia ben sperare per il futuro e che l’escalation di penalizzazione nei confronti del Comune di Drapia, sotto l’aspetto dei servizi postali, potrebbe non essersi esaurita.

Ritengo, pertanto, che sia opportuno incentivare sin da subito le nostre legittime rimostranze  affinché l’Ente Poste receda dal suo proposito di chiudere l’Ufficio Postale di Drapia.

In questa prospettiva è sicuramente cosa sensata e opportuna attivare i canali amministrativi della Giunta e del Consiglio Comunale per  l’adozione dei necessari atti deliberativi volti al soddisfacimento delle aspettative di questa Comunità che all'occorrenza sarà attivata anche tramite eventuali comitati organizzati. Si tratta, in estrema sintesi, di difendere servizi fondamentali che incidono sostanzialmente nella qualità della vita dei cittadini e che bisogna difendere con tutti i mezzi leciti consentiti. Tale esigenza si manifesta in maniera ancora più eclatante in una realtà come quella del Comune di Drapia dove, a causa dell’elevata percentuale di popolazione anziana, una penalizzazione in termini di servizi postali assumerebbe i caratteri  di una vera e propria emergenza sociale.

Lo sfogo del mio disappunto per la vicenda che sta riguardando gli sportelli degli postali di questo Comune non mi esime, in ogni caso, dall'affrontare un altro aspetto che tocca direttamente l'Amministrazione Comunale da me presieduta.

Non mi voglio soffermare sull'intervento in corso relativamente alla strada Taccone, all'impianto fotovoltaico sulla scuola Media di sant'Angelo, che già produce energia di scambio sul posto e anche fuori, sull'acquisto del pullman, agli interventi in corso d’opera nella nuova Sala Consiliare, che con somme di bilancio che questa Amministrazione sta recuperando, si sono resi necessari affinché i futuri incontri consiliari possano tenersi in una Sala degna di questo nome.

Mi voglio soffermare invece sulla riqualificazione dei centri storici.

Siamo partiti dall'idea che Il recupero dell’identità storica di una comunità passa, anche, attraverso spazi, strutture, strade e materiali che la caratterizzano. E’ stato indirizzato  tutto in questo senso l’impegno dell’Amministrazione che ho l’onore di guidare, a dimostrazione di una Amministrazione tesa al fare più che al parlare.

I fatti ci stanno dando le soddisfazioni che meritiamo. Sono oramai sotto gli occhi di tutti i lavori che si stanno realizzando nelle frazioni di Brattirò, Caria  e Gasponi che sicuramente non porteranno nutrite flotte di turisti a farsi fotografare ma daranno quel calore e quel sano orgoglio di essere Drapiesi e quindi  di vedere abbellito il proprio paesello.

Riportare la qualità nei centri abitati attraverso piccole ma importanti opere, significa dare un segnale importante  a chi vive in questi centri, (e a chi eventualmente vorrebbe investire) in un contesto che sicuramente non mostra i segni di fasti  storici notevoli, ma che comunque appartengono fortemente a queste comunità, mantenendo e riproponendo la propria identità,  le proprie abitudini, attraverso le piazze, le piccole vie, le piccole case ancora abitate o abbandonate.

Bisogna  rafforzare queste  qualità  e queste  identità e dare fiducia ai residenti,  affinché non sentano, tra l’altro,  l’esigenza di trasferire la propria abitazione, verso le zone periferiche dei centri abitati aumentando lo spopolamento dei centri .

È risaputo inoltre  come gli  interventi sullo spazio pubblico generano sempre un ritorno indiretto (da non sottovalutare), sulla rivalutazione degli immobili circostanti che ne fa aumentare  il loro valore di mercato, al oro appetibilità.

Senza dimenticare che con questi interventi  DI RIQUALIFICAZIONE agiamo pure sulla sicurezza del territorio con il rifacimento dei sottoservizi quali la rete idrica veramente degradata e bisognosa di essere sostituita, la raccolta delle acque meteoriche, il posizionamento di cavidotti per la rete  dell'illuminazione pubblica comunale e la dove si rende necessario anche con interventi mirati alla riqualificazione della rete fognaria cittadina.

Quindi un utilizzo corretto, sano, equilibrato e giusto delle finanze dei cittadini Drapiesi e non una cementificazione sfrenata come qualcuno vorrebbe far credere.

Discorso diverso si deve fare per Drapia Capoluogo fiore all'occhiello del territorio per la sua valenza storica e con i suoi artistici palazzi che anche se non vissuti e quindi abbandonati e non curati dai proprietari per lunghi anni conservano ancora le loro bellezze.

Per questa comunità  il lavoro dell'Amministrazione si è concretizzato con l’assentito finanziamento regionale di 300 mila euro, che è stato recentemente comunicato dall’ Assessorato Regionale ai Lavori Pubblici e volto al recupero e alla messa in sicurezza del centro storico di Drapia.

 Un risultato questo molto importante, colto dall’operato dell’Amministrazione comunale, attraverso l’ottenimento del predetto finanziamento di 300 mila euro e l’occasione per ringraziare vivamente il Presidente della Regione Calabria, On. Giuseppe Scopelliti, e l’Assessore Regionale ai Lavori pubblici e alle Infrastrutture, On. Pino Gentile, per la grande sensibilità dimostrata verso il progetto da noi sottoposto alla loro attenzione. Si tratta di un progetto rivolto alla messa in sicurezza ed al recupero del centro storico di Drapia.

Ma il programma di recupero riguarderà, in modo prevalente, una serie di interventi mirati alla regimazione delle acque meteoriche, al fine di conseguire una migliore tenuta del territorio dal punto di vista idrogeologico, il ripristino e/o la realizzazione dei sottoservizi esistenti nonché la valorizzazione dello storico Corso Umberto I.

Quest’ultimo intervento sarà attuato anche mediante un appropriato ripristino degli antichi elementi di pavimentazione in pietra di granito (basole) che il bitume ha fin’ora sottratto alla memoria del paese.

Concludo, con un'ultima nota lieta, portando a conoscenza del Consiglio Comunale, dei cittadini presenti e della stampa locale che e' stata definita dalla Stazione Unica Appaltante della Provincia di Vibo Valentia la prima gara relativa all'intervento che riguarda il Castello Galluppi.

E' stata fatta l'aggiudicazione provvisoria e se tutto procederà senza ostacoli i lavori potrebbero iniziare agli inizi del nuovo anno 2013.

Bene molto altro avrei da comunicare, ma l'ordine del giorno è assolutamente pieno di argomenti importanti per la Comunità per cui concludo passando subito agli argomenti oggetto della convocazione.

indietro

Elenco bandi

Nascondi bandi scaduti
BANDI IN PRIMO PIANO

Comune di Drapia (VV) Sito Ufficiale

Corso Umberto I° - 89862 Drapia (VV) Italia

tel. (+39)0963.67094 - fax (+39)0963.67293

Mail Certificata: protocollo.drapia@asmepec.it

elettorale.drapia@virgilio.it

P.I. 00298600792

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.209 secondi
Powered by Asmenet Calabria